Podere Sotto Il Noce

Podere Sotto Il Noce

Podere Sotto Il Noce si trova a Castelvetro, in provincia di Modena, e prende il nome dal grande noce che domina la più vecchia vigna di proprietà. L’azienda è guidata da Max Brondolo, milanese di nascita che da anni ha ormai messo radici a Modena, dopo avere lasciato il suo lavoro da maneger. La passione per il vino la eredita dai suoi nonni, che nell’astigiano, producevano il vino per consumo famigliare e dopo il trasferimento a Milano hanno iniziato a commerciare Barbera sfusa. Attualmente Max coltiva sei ettari di vigneti con le varietà tipiche modenesi tra le spiccano il lambrusco grasparossa, il lambrusco di sorbara, il lambrusco modenese, il trebbiano modenese, e l’uva Tosca, con cui ha appena avviato, per quest’ultima, un progetto con l'Università di Ravenna. Le vigne sono allevate con metodi biodinamici, perché l’obiettivo di Max, è quello di produrre un'uva eccellente. Durante la vendemmia, l'uva viene accuratamente selezionata e raccolta a mano in cassetta. Giunta in cantina viene diraspata, pigiata e fatta fermentare con i soli lieviti indigeni. Il lavoro successivo per Max, consiste per lo più, in travasi, perché vuole intervenire il meno possibile per evitare di rovinare quello che la natura gli ha donato. Attualmente produce quattro vini: il Cattabrega, un vino rosato frizzante prodotto da un blend da lambrusco grasparossa, lambrusco di sorbara e lambrusco modenese; il “Confine”, un vino rosso frizzante che nasce dalla uve della vigna più vecchia; il Saldalama, vino rosso frizzante composto da lambrusco grasparossa, lambrusco di sorbara e trebbiano modenese; e il Mennabò che si ottiene da uve di lambrusco grasparossa di castelvetro in purezza.

1 oggetto(i)

per pagina

1 oggetto(i)

per pagina