Rosato 2017 - Lammidia

Il Rosato di Lammidia presenta un bel colore rosa scarico. Al naso bei sentori che ricordano la frutta rossa, come la fragola, l’amarena e il melograno, seguiti da note di macchia mediterranea. Al palato è croccante, bello fresco, e con una beva travolgente..


Regione: Abruzzo.


Vitigno: Montepulciano d'Abruzzo.


Gradazione alcolica: 10%.


Affinamento: Acciaio

Disponibilità: Disponibile

17,50 €

SOCIAL SHARING

Descrizione
Dettagli

 Rosato  - Lammidia

Un vino rosato fuori dagli schemi come da stile Lammidia, in cui si cerca la freschezza e la facilità di beva. Le uve di Montepulciano vengono raccolte quando hanno un livello zuccherino più basso, in modo da avere maggiore freschezza e acidità. L’uva viene poi pigiadiraspata e il lasciato a macerare con le bucce per una notte. Affina in acciaio e vetroresina. Il Rosato di Lammidia presenta un bel colore rosa scarico. Al naso bei sentori che ricordano la frutta rossa, come la fragola, l’amarena e il melograno, seguiti da note di macchia mediterranea. Al palato è croccante, bello fresco, e con una beva travolgente.

Servizio

Si consiglia di servirlo ad una temperatura di 8/10° in bicchieri Tulipano. Vino quotidiano.

Abbinamento

Ottimo per un aperitivo, si fa bere anche a tutto pasto, soprattutto con i piatti a base di pesce cucinati con ricette delicate, da provare con una pizza napoletana.

La cantina: Lammidia

Dietro Lammidia troviamo il duo costituito da Davide Gentile e Marco Giuliani, amici dai tempi dell’asilo. Cresciuti insieme, prendono strade diverse per poi ritrovarsi all’università e, da lì, iniziano il loro percorso nel mondo del vino. Inizialmente partecipano a fiere e degustazioni, poi frequentano le cantine dei vignaioli naturali, dove osservano il loro modo di vedere la vita e il loro rapporto con la natura, e capiscono che è possibile vivere diversamente rispetto a come avevamo pensato fino ad allora. Decidono allora di abbandonare i loro rispettivi impegni per provare a fare il loro vino, senza nessun prodotto chimico in vigna e in cantina, niente filtrazioni, niente chiarifiche, niente solforosa, insomma: uva e basta. Recuperano un garage di una vecchia cascina della nonna a Villa Celiera a 700 m sulle colline pescaresi, immersa nella natura incontaminata, e due vigne da mezz’ettaro in affitto a Pescara, dove c’è prevalentemente Montepulciano, e senza affidarsi a nessun agronomo, enologo o tecnico esterno, incominciano a sperimentare cose nuove. La prima vinificazione è del 2010, e si rivela sfortunata, tantè che si racconta che la nonna Antonia fece partire la prima fermentazione togliendo il malocchio o l'ammidia, da cui il nome la cantina. Dopo studi, confronto con altri vignaioli, prove, esperimenti, e tanti errori li hanno portato ai risultati attuali e a un percorso di miglioramento continuo. Le vinificazioni avvengono in contenitori in cemento, ideati, disegnati e costruiti da Davide e Marco per poter gestire i diversi processi, e gli per affinamenti si usano anfore di terracotta, qualche contenitore in acciaio e in vetroresina. In circa 10 anni sono stati prodotti circa una sessantina di etichette e su quasi tutte svetta l'impronta della mano che è diventata l'immagine identificativa dell'azienda, che rappresenta i vini fatti dall'uomo, sporcandosi le mani in vigna e senza aiuti tecnologici.

Scheda tecnica
Scheda tecnica
Paese Italia
Regione Abruzzo
Zona di produzione Vino Rosato
produttore Lammidia
Vitigni Montepulciano
Annata 2017
Gradazione Alcolica 10%
Stile del Vino Leggero e fresco
Affinamento Affinamento in Cemento
Dosaggio Secco
Formato Bottiglia 0,75 L
Filosofia Biodinamici
Abbinamenti Antipasti, Aperitivi, Carni Bianche, Crudi di pesce, Frutti di mare, Pesce, Primi piatti
Recensioni
Scrivi la tua recensione

Ogni utente registrato può scrivere una recensione. Per favore, accedi o registrati

Vini della stessa Cantina