Cantina San Biagio Vecchio

Cantina San Biagio Vecchio

La cantina San Biagio Vecchio si trova sulla collina di San Biagio, vicino a Faenza. Gestita da Andrea Balducci e da sua moglie Lucia Ziniti che nel 2004 subentrano nella conduzione delle vigne a Antonio Baldassari, parroco-vignaiolo di San Biagio, devoto più all’Albana che al Sangiovese. Andrea e Lucia devono molto delle loro conoscenze del vino e della vite a un anziano contadino del posto e allo zio Giorgio che li hanno aiutati nei primi anni della loro avventura. Oggi Andrea coltiva 5 ettari di vigne che guardano l’antica Torre di Oriolo dei Fichi e la pianura fino al mare, piantate con vitigni autoctoni come l’Albana, la Malvasia di Candia Aromatica, il Trebbiano della Fiamma, il Sangiovese e il Centesimino. Il Centesimino è un vitigno a bacca rossa autoctono romagnolo in via di estinzione che fu riscoperto da Pietro Pianori. Pietro scopri alcuni filari nel giardino di casa sua ed innestò alcune marzie nel suo podere Terbato. Oggi Andrea e Lucia hanno preso in gestione questo podere e coltivano non solo le vigne ma anche un’antica varietà di grano denominata Gentil Rosso. Nella cantina San Biagio Vecchio si pratica un’agricoltura seria, nel rispetto della tradizione e con grande attenzione all’ambiente. I vini prodotti sono: il Barbatello Bianco, un blend di Malvasia di Candia Aromatica e Trebbiano della Fiamma, il meraviglioso SabbiaGialla a base di Albana, l’Oriolo che è un Sangiovese e il Montetarbato, fatto con uve Centesimino, L’amore di Andrea per il vino, sono ben espressi in queste sue parole: “Faccio il vino e in questo fare passano i miei desideri e le fantasie di bambino, la cura e il sostegno della mia famiglia, la simpatia e la sapienza di mio padre Gennaro e di mio zio Giorgio. Non sono quindi solo nemmeno quando, potando nel silenzio della vigna, decido cosa far morire e cosa lasciar nascere”.

5 oggetto(i)

per pagina

5 oggetto(i)

per pagina