Rosato All'Antica 2017 - Vini Scirto

Un vino vibrante, accattivante nel colore che sicuramente vi conquisterà con i suoi profumi che spaziano dal fruttato al floreale, soffermandosi soprattutto sulla rosa canina e sui frutti di bosco. Al sorso è fresco, scorrevole, beverino contraddistinto da una piacevole nota minerale. Chiude con un finale mediamente persistente.


Regione: Sicilia.


Vitigno: Nerello Mascalese. e Cappuccio.


Gradazione alcolica: 14%


Affinamento; Acciaio.

Accedi per essere avvisato quando il prodotto torna in magazzino.

Disponibilità: Non disponibile

22,90 €

SOCIAL SHARING

Descrizione
Dettagli

Rosato All'Antica - Vini Scirto

Il Rosato All’Antica di Vini Scirto è un vino classico che appartiene alla tradizione del territorio. Ottenuto mediante l'assemblaggio di due vitigni autoctoni siciliani, il Nerello Mascalese e il Nerello Capuccio. Le uve provengono da vigne piantate a piede franco che hanno tra gli 80 ed i 100 anni Vinificazione spontanea con 36 ore di macerazione. Un vino vibrante, accattivante nel colore che sicuramente vi conquisterà con i suoi profumi che spaziano dal fruttato al floreale, soffermandosi soprattutto sulla rosa canina e sui frutti di bosco. Al sorso è fresco, scorrevole, beverino contraddistinto da una piacevole nota minerale. Chiude con un finale mediamente persistente.

Servizio

Si consiglia di servirlo ad una temperatura di 8/10°in calici tulipano. Vino quotidiano, ma se lasciato in cantina qualche anno può regalare grandi emozioni.

Abbinamenti

Si abbina magnificamente sia a piatti di pesce che a pietanze a base di carni bianche arrostite. Ottimo anche con primi piatti leggeri, crostacei o anche come aperitivo.

Cantina: Vini Scirto

Vini Scirto è una piccola e giovane azienda siciliana situata a Passopisciaro, frazione di Castiglione di Sicilia, comune in provincia di Catania sulle pendici settentrionali dell’Etna. A gestire la cantina troviamo Giuseppe e Valeria, che prima di intraprendere questa avventura facevano tutt’altro: Giuseppe è un perito informatico, lei una laureanda in Lingue straniere. L’azienda apparteneva ai nonni di Giuseppe che hanno sempre prodotto vino e olio, che venivano venduti sfusi. Quando il nonno di Giuseppe è morto, era il periodo in cui tutti, sull’Etna, vendevano i vigneti. Giuseppe e Valeria, invece, controcorrente, hanno deciso di non vendere e di iniziare a lavorare le vigne, spinti anche e soprattutto dal fatto che per Giuseppe hanno un grande valore affettivo, visto che sin da piccolo ci trascorreva tutte le estati insieme a suo nonno aiutandolo nei lavori. Così nel 2009 hanno iniziato a lavorare in vigna, seguendo gli insegnamenti del nonno, e la 2010 è stata la prima annata prodotta. I vigneti, impiantati agli inizi del ‘900 con piede franco, sono in parte allevati ad alberello e in parte a spalliera e si trovano precisamente in contrada Feudo di Mezzo e contrada Porcaria. Troviamo principalmente il nerello mascalese, affiancato da altre cultivar come nerello cappuccio, carricante, grecanico e minnella. Producono 3 etichette: un vino bianco, blend di tutte le uve a bacca bianca che si chiama Don Pippinu, in ricordo del nonno; due Etna Rosso, provenienti da due contrade diverse, che si chiamano Don Pippinu e A’ Culonna. A Giuseppe e Valeria piace ricordare che hanno completamente bandito la chimica sia dai terreni che dalla cantina, e l’unica che utilizziamo è quella dell’amore!.

Scheda tecnica
Scheda tecnica
Paese Italia
Regione Sicilia
Zona di produzione Etna DOC
produttore Vini Scirto
Vitigni Nerello Mascalese
Annata 2017
Gradazione Alcolica 13%
Stile del Vino Di medio corpo e profumato
Affinamento Affinamento in Acciaio
Dosaggio Secco
Formato Bottiglia 0,75 L
Filosofia Biodinamici
Abbinamenti Affettati e Salumi, Aperitivi, Arrosti, Carni Bianche, Crostacei, Crudi di pesce, Formaggi stagionati, Frutti di mare, Pesce, Primi piatti, Risotti, Selvaggina, Verdura
Recensioni
Scrivi la tua recensione

Ogni utente registrato può scrivere una recensione. Per favore, accedi o registrati

Vini della stessa Cantina