Terre de l'Élu

L’amore unisce le strade di Thomas e Charlotte Carsin, uniti nella vita e uniti nel lavoro viticolo in uno dei più bei terroir della valle della Loira. Thomas ha costruito le proprie competenze e la propria passione della vite e del vino lavorando in alcune delle più affascinanti regioni del pianeta: dalla Borgogna alla California, dalla Champagne alla Provenza (passando per un’enoteca parigina…), per poi dedicarsi al suo Domaine a partire dal 2008. Charlotte invece ha seguito un itinerario centrato sulla comunicazione, prima di sposare la scelta del marito. Oggi questa coppia affiatata lavora ben 20 ettari di vigne nella valle del Layon, uno dei territori di pregio dell’Anjou. A sostenerli in questa fatica una squadra ben rodata, capeggiata dall’espertissimo Jean-Pierre, viticoltore di solida competenza. La scelta dell’agricoltura biologica è stata naturale, con una certificazione ufficiale Écocert a partire dal 2013. In vigna ritroviamo pressoché tutta la complessità ampelografica della Loira centrale: dallo Chenin al Cabernet franc, dal Grolleau al Gamay, dal Sauvignon blanc al Pineau d’Aunis. Un vero trionfo di biodiversità e di gusto! In campo pochi concimi (solo organici ed essenzialmente di riciclo della vite), rese basse, inerbimento invernale, erpicatura primaverile e naturalmente… niente chimica di sintesi! In cantina Thomas e Charlotte non seguono ricette preconfezionate. Ogni cuvée, ogni terroir, ogni vitigno, ogni assemblaggio e ogni millesimo ha una propria storia. Ciò che unisce l’approccio di ogni vino è invece il rifiuto dell’enologia correttiva. Lieviti indigeni per le fermentazioni, uso limitatissimo dei solfiti, nessuna chiarifica forzosa, affinamenti lunghi. Nasce così un caleidoscopio di bottiglie, di colori e di interpretazioni, accomunate da una grande spontaneità espressiva e da un’energia gustativa rara. Prosit!

1 oggetto(i)

per pagina

1 oggetto(i)

per pagina