Luca Bevilacqua

Luca Bevilacqua

Luca Bevilacqua fa parte di quella nuova generazione di vignaioli abruzzesi, insieme a Cantina Indigeno, Lammida, Marina Palusci, Rabasco, che hanno deciso di discostarsi dal fare vini sempre uguali e omologati, e di percorrere strade che li portassero a produrre vini naturali e genuini come si faceva una volta. Luca nasce come sommelier, lavoro che ancora oggi svolge, e dopo anni passati in sala a consigliare e aprire bottiglie decide di fare il suo vino. Nasce cosi il progetto LAB, dalle iniziali dei sui figli Lorenzo Amerigo e Leonardo Andrea Bevilacqua. I suoi vigneti, ereditati dal padre, si trovano ad Atessa, comune che si trova nella bassa valle del fiume Sangro, in provincia di Chieti. Vigneti soprattutto di Montepulciano, Passerina e Trebbiano, che non hanno mai visto un grammo di sostanze chimiche ma solo rame in piccole quantità quando serve. La vendemmia e le vinificazioni, Luca le svolge nei giorni di ferie e di riposo dal lavoro. Un vero garagista che ama le fermentazioni spontanee, le macerazioni carboniche e gli affinamenti in vasche di acciaio o in vetroresina. Sei i vini prodotti; 3 bianchi tra cui il Berry White e il White Lab, ottenuti da uve passerina con macerazione carbonica, e il Super White, prodotto da uve di Trebbiano provenienti da vecchie vigne. Due rossi; il Carnobic Lab, ottenuto attraverso macerazione carbonica da uve di montepulciano, e con le stesse uve viene prodotto ance il Red Lab. Chiude il cerchio il Rosato “Rosè Lab” ottenuto da uve di montepulciano con macerazione sulle bucce di una notte. Tutti vini che sono accumunati dalla bevibilità, dalla spensieratezza, e dalla gioia di essere condivisi a tavola.

1 oggetto(i)

per pagina

1 oggetto(i)

per pagina