Clos De La Coulèe De Serrant

Clos De La Coulèe De Serrant

Nicolas Joly, uomo di grande carisma e personalità, è uno dei vignaioli più acclamati di Francia. Negli ultimi anni è stato impegnatissimo a portare in giro per il mondo il metodo e il pensiero di Steiner, colui che agli inizi del 900 iniziò ad applicare i principi della biodinamica all’agricoltura. Nicolas Joly non è stato sempre un vignaiolo infatti, dopo gli studi alla Columbia University, ha lavorato per diversi anni come banchiere presso J.P. Morgan a New York City. Nel nel 1977 decide di lasciare la banca per gestire la proprietà vinicola di famiglia “Château de la Roche aux Moines” a Savennières. Nicolas fin da subito era molto scettico sulla conduzione dei vigneti con i metodi moderni e gli effetti che questi avevano questi sulla natura. Agli inizi degli anni 80 comprò un libro di Steinar, il padre della biodinamica, e incominciò a coltivare i suoi vigneti con i principi della biodinamica. Il primo vino completamente naturale fu nel 1981 il Clos de la Coulée de Serrant a cui di aggiunse, nel 1984, tutta la gamma dei vini prodotti da Nicolas Joly. Il Coulée de Serrant è una vigna di Chenin Blanc di soli sette ettari di proprietà esclusiva della famiglia Joly. Il vigneto è stato piantato nel 1130 dai monaci Circestensi, e da allora ha sempre vendemmiato. Nel vigneto si trovano vecchie vigne con età media dai 15 agli 80 anni su terreni costituiti essenzialmente da scisti, e i lavori vengono effettuati a mano e con l’aiuto di cavalli. Nicola Joly è inoltre proprietario del vigneto “Clos de la Bergerie”, tre ettari nell'appellazione Savennières-Roche aux Moines, e della vigna le "Les Vieux Clos" nell'appellazione Savennières, da cui si ricavano i rispettivi vini che hanno un prezzo più accessibile rispetto al mitico Clos de la Coulée de Serrant.

2 oggetto(i)

per pagina

2 oggetto(i)

per pagina