Cellar La Salada

Cellar La Salada

Toni Carbó ha fondato prima Mas Candí con il suo migliore amico e socio in affari Ramón Jané e nel 2012 Celler La Salada. La cantina si trova nel Penedès, dove Toní è l'ultimo della sua discendenza familiare a col-tivare uva. Il fondatore della cantina è stato il nonno che dopo aver lavorato per anni sotto padrone, decise con altri coltivatori di fondare una sorta di cooperativa. Acquistaro-no alcuni ettari di viti, in particolare prendendo appezza-menti su terreni poveri, molto difficili da coltivare e iniziarono a produrre vino che veniva venduto sfuso. Negli anni 90 la famiglia di Toni decise di chiudere la cantina per andare in città a lavorare. Toni quando riaprì la cantina era intenzionato a produrre vini ricchi e corposi e per questo assunse un enologo. Quando questi gli raccomandò un li-vello talmente alto di additivi, Toni decise di cambiare strada, e la svolta arrivo quando partecipò a La Dive Bou-teille, un grande salone di vino naturale che si tiene nella Valle della Loira in Francia. Toní oggi coltiva una superfi-cie di oltre 20 ettari. Nel 2005, ha iniziato a ridurre l'uso di pesticidi in vigna e nel 2012 ha convertito le sue viti in biologico e ha prodotto il suo primo vino naturale per il mercato, senza aggiunta di solfiti o prodotti enologici, con l'obiettivo è quello di avere la più alta varietà di vita nel suolo e creare un equilibrio naturale all'interno dell'ambiente. I suoi vigneti sono allevati con varietà tipiche spagnole come il Macabeo, il Su-moll,il Roigenc, il Mandó, il Cannonnau, la Monica, ol Torbat, la Parellada, e lo Xarel La vinificazione di Ton mantiene molte delle tecniche tradizionali della zona. "La mia famiglia, storicamente, ha fatto il vino a contatto con le bucce, lo abbiamo chiamato vino brisat".La cantina è stata recentemente ristrutturata un po ', ma Toní ha conservato e utilizza ancora i serbatoi sotterranei in cui è stato fermentato il vino, e ha anche tenuto su una botte che risale al 1955. I suoi vini sono generosi, beverini, e ferschi a partire anche dalle coloratissime etichette.

2 oggetto(i)

per pagina

2 oggetto(i)

per pagina